DIETRO LE QUINTE: INTERVISTA CON un programmatore informatico

Intervista CON MICHAEL KÜPPER, Programmatore di SOFTWARE della FINK & PARTNER GMBH

  • Michael Küpper -

30 novembre 2020 – di Anna Freddi

In un’intervista con il programmatore informatico Michael Küpper, scopriremo di più sulle strutture nascoste di FP-LIMS di Fink & Partner GmbH.

A.F.: Signor Küpper, lei lavora presso la Fink & Partner GmbH da 19 anni e quindi è un esperto nel campo dello sviluppo di software. Come è entrato nel settore informatico e nello sviluppo di software? E perché ha scelto Fink & Partner GmbH?

M.K.: Già da bambino ero affascinato dai computer. Ricordo ancora come ho iniziato a programmare con l’aiuto del manuale di base fornito con il Commodore 64. Ho pure salvato i miei primi “mini” programmi su Datasette. A scuola ho scoperto il Turbo Pascal (scuola secondaria 1) e nel tempo libero ho sviluppato giochi più piccoli. Durante il periodo della maturità sono entrato in contatto con il mondo dello sviluppo Delphi 2 (di Borland), che si basa su Object Pascal.

Durante il servizio militare ho fatto domanda per un posto di lavoro nel settore dello sviluppo di software e ho potuto infine decidere tra due aziende. Ho scelto Fink & Partner GmbH, soprattutto per il linguaggio di programmazione Delphi 5 che Fink & Partner GmbH utilizzava all’epoca.

Dopo tre anni di formazione come specialista informatico nel campo dello sviluppo di software, mi è stato offerto un contratto di lavoro a tempo indeterminato, che è valido ancora oggi.

A.F.: Quanti e quali linguaggi di programmazione conosce?

M.K.: Come linguaggio principale uso principalmente Object Pascal con Delphi. Inoltre, per lo sviluppo web utilizzo HTML, PHP e JavaScript. Nei progetti privati mi piace usare C#. Nel corso del tempo ho aggiunto anche linguaggi come Java, C++, C e Visual Basic (VB).

A.F.: Dietro le quinte: cosa ci può dire del linguaggio di programmazione di [FP]-LIMS?

M.K.: Fink & Partner GmbH utilizza ancora oggi Delphi, anche se ovviamente negli ultimi anni sono stati effettuati diversi aggiornamenti. Attualmente è in uso Delphi XE 10.3 ed è previsto un passaggio a 10.4, che includerà miglioramenti del codice.

Delphi ha il vantaggio che il codice “vecchio” già sviluppato è in gran parte compatibile con le versioni attuali. Inoltre, Delphi è in grado di fornire interfacce e dialoghi complessi in modo semplice e veloce.

A.F.: Cosa potrebbe dirci del suo primo progetto presso la Fink & Partner GmbH?

M.K.: A quel tempo, come trainee, non mi occupavo direttamente di [FP]-LIMS, all’epoca ancora chiamato [DIA]-Analysis Management. È così che ho iniziato a occuparmi dell’importazione dei dati. Qui ho avuto modo di conoscere molti dispositivi diversi (ad esempio di Spectro, ARL, Bruker, OBLF), diverse interfacce (ad esempio file system, condivisione di rete, TCP/IP, RS-232) e i loro protocolli. All’epoca veniva sviluppato un programma “speciale” per ogni singola interfaccia. Il mio primo grande progetto e allo stesso tempo la mia tesi di laurea è stata la [DIA]-InstrumentManager. Il suo compito è quello di leggere in tutti i dati tramite plug-in (estensioni) e di trasferirli a [DIA] in modo uniforme. Questo concetto è ancora oggi presente in [FP]-LIMS.

A.F.: [FP]-LIMS è una flessibile soluzione software per il laboratorio. Quali sfide comporta ciò per lei e il suo team? 

M.K.: L’alto grado di flessibilità è una caratteristica fondamentale del software e naturalmente ha il suo prezzo per quanto riguarda lo sviluppo.

Gli adattamenti e le estensioni del software devono essere pianificati in dettaglio, cercando di convertire le esigenze individuali (del cliente) in soluzioni generali. In questo modo, la gamma di funzioni è sempre più ampia e sarà disponibile per altri clienti in futuro.

Un ulteriore obiettivo è la conservazione delle funzionalità precedenti. Dopo un aggiornamento, il sistema dovrebbe continuare a funzionare come prima dell’aggiornamento.

A.F.: Cosa le piace di più dello sviluppo di [FP]-LIMS?

M.K.: Penso che sia fantastico far parte di questo team!

Andiamo tutti molto d’accordo, c’è un’atmosfera di lavoro assolutamente piacevole e positiva. Si può sempre contribuire con nuove idee e sentirsi un membro importante dell’azienda. Naturalmente il “cosa” da fare è determinato dai concetti precedentemente definiti, ma il “come” è di libertà del programmatore.

  • Che cos'è un LIMS?

A.F.: Il 2020 – l’anno della digitalizzazione dovuta al Covid-19. Quali fattori sono stati particolarmente complessi per il team di sviluppo del software in questo periodo?

M.K.: Rispetto ad altri settori industriali, l’industria informatica sta affrontando bene la digitalizzazione. È possibile lavorare in smart working senza problemi, i server sono raggiungibili tramite un accesso VPN e Fink & Partner GmbH utilizza da tempo anche la telefonia via Internet (VOIP) per la rete telefonica.

Lo smart working presenta a tutti la sfida di preservare la comunicazione, vale a dire il continuo scambio tra colleghi.

I problemi, le possibili soluzioni e le idee possono essere spiegati e discussi nonostante la separazione fisica. Attraverso telefonate, videochiamate e riunioni regolari, noi come azienda abbiamo superato con successo questo ostacolo e abbiamo fatto progressi nello sviluppo di [FP]-LIMS nonostante la pandemia.